London City Airport: dove si trova, mappa aeroporto Londra City

Shares

Il London City Airport – codice IATA: LCY – è un aeroporto internazionale di Londra in Inghilterra. Si trova nei Royal Docks nel quartiere londinese di Newham, a circa 7 miglia (11 km) a est della City di Londra e una distanza più breve ad est di Canary Wharf. Questi sono i centri gemelli dell’industria finanziaria di Londra, che è uno dei principali utenti dell’aeroporto.

L’aeroporto di Londra City ha una sola pista lunga 1.508 metri e una licenza di aeroporto per uso pubblico CAA (numero P728) che consente voli per il trasporto pubblico di passeggeri o per l’addestramento al volo (ma solo per l’addestramento necessario per il funzionamento di aereo in aeroporto).

Solo gli aeromobili plurimotore ad ala fissa fino alla dimensione degli Airbus A318 con velivoli speciali e equipaggio di volo certificati per volare in avvicinamento di 5,5° possono condurre operazioni all’aeroporto di Londra City.

London City Airport

London City ha registrato oltre 4,5 milioni di passeggeri nel 2017. È il quinto aeroporto più trafficato per passeggeri e movimenti di aeromobili che servono l’area di Londra – dopo Heathrow, Gatwick, Stansted e Luton – ed è stato il 14° più trafficato del Regno Unito nel 2017. In 2019 l’aeroporto ha gestito oltre 5 milioni di passeggeri.

London City Airport: mappa e dove si trova?

Storia dell’aeroporto di Londra City

Proposta e costruzione

L’aeroporto è stato proposto per la prima volta nel 1981 da Reg Ward, amministratore delegato della neonata London Docklands Development Corporation (LDDC) e responsabile all’epoca della rigenerazione dell’area. A sua volta ha discusso la proposta con il presidente di John Mowlem & Co Sir Philip Beck ed è nata l’idea di un aeroporto per Docklands. Nel novembre di quell’anno Mowlem e Bill Bryce di Brymon Airways avevano presentato una bozza di proposta al LDDC per un gateway per il centro di Docklands STOLport.

Il 27 giugno 1982 il capitano Harry Gee di Brymon Airways fece atterrare un aereo turboelica de Havilland Canada Dash 7 su Heron Quays, nei vicini West India Docks, al fine di dimostrare la fattibilità del progetto STOLport. Nello stesso anno il LDDC ha pubblicato uno studio di fattibilità, un sondaggio di opinione tra i residenti locali che ha mostrato una maggioranza a favore dello sviluppo dell’aeroporto e Mowlem ha presentato una domanda per il permesso di costruzione.

Il 6 giugno 1983 iniziò un’inchiesta di pianificazione della durata di 63 giorni. Entro la metà dell’anno successivo, Nicholas Ridley, il Segretario di Stato per i trasporti, si era dichiarato “disposto ad accettare la domanda” ma aveva chiesto ulteriori dettagli. Il Greater London Council ha intentato un’azione presso la High Court of Justice per riaprire l’inchiesta. Dopo che l’Alta Corte ha respinto l’azione nel marzo 1985, nel maggio di quell’anno è stata concessa una licenza edilizia di massima, seguita dalla concessione di una licenza edilizia dettagliata all’inizio del 1986.

La costruzione iniziò sul sito poco dopo la concessione dell’autorizzazione, con Carlo, principe del Galles, che pose la prima pietra dell’edificio del terminal, progettato da R Seifert and Partners, il 2 maggio 1986. Il primo aereo atterrò il 31 maggio 1987 con il primo servizi commerciali operativi dal 26 ottobre 1987. La regina Elisabetta II ha inaugurato ufficialmente il London City Airport nel novembre dello stesso anno.

Apertura e ampliamento pista

Nel 1988, il primo anno completo di attività, l’aeroporto aveva gestito 133.000 passeggeri. I primi voli di linea sono stati operati da e per Plymouth, Parigi, Amsterdam e Rotterdam. Con una pista di soli 1.080 metri di lunghezza, l’aeroporto poteva essere utilizzato solo da un numero molto limitato di tipi di aeromobili, principalmente il Dash 7 e il più piccolo Dornier 228. Nel 1989, l’aeroporto decise di presentare una domanda di pianificazione per estendere la pista, consentendo l’uso ad un numero maggiore di aeromobili.

Nel 1990 l’aeroporto ha gestito 230.000 passeggeri, ma le cifre sono diminuite drasticamente dopo la guerra del Golfo e non si sono riprese fino al 1993, quando sono stati trasportati 245.000 passeggeri. A questo punto la pista estesa era stata approvata e aperta (il 5 marzo 1992).

Nel 1995, il numero di passeggeri raggiunse il mezzo milione e Mowlem vendette l’aeroporto all’uomo d’affari irlandese Dermot Desmond. Cinque anni dopo il numero di passeggeri era salito a 1.580.000 e sono stati operati oltre 30.000 voli.

Nel 2002 è stato aperto un centro jet per l’aviazione aziendale, oltre a ulteriori piazzole per aeromobili all’estremità occidentale del piazzale. Nel 2003, è stato istituito un nuovo punto di attesa a terra all’estremità orientale della pista, consentendo agli aerei in attesa di decollo di trattenersi mentre altri aerei atterrano.

Ulteriore espansione

Il 2 dicembre 2005, la stazione DLR del London City Airport è stata aperta su un ramo della Docklands Light Railway, fornendo per la prima volta l’accesso ferroviario all’aeroporto e fornendo collegamenti ferroviari veloci a Canary Wharf e alla città di Londra. Nel 2006, più di 2,3 milioni di passeggeri hanno utilizzato il London City Airport.

Nell’ottobre 2006, l’aeroporto è stato acquistato da un consorzio composto dall’assicuratore AIG Financial Products e Global Infrastructure Partners (GIP). Nell’ultimo trimestre del 2008 GIP ha aumentato la propria partecipazione nell’aeroporto al 75%, il restante 25% è di proprietà di Highstar Capital.

Nel 2001 il London City Airport ha ottenuto il permesso di costruire un piazzale esteso con quattro ulteriori parcheggi per aeromobili e quattro nuovi gate a est del terminal; sono diventati operativi il 30 maggio 2008.

British Airways ha iniziato i primi voli di linea transatlantici dall’aeroporto nel settembre 2009, con due voli al giorno per l’aeroporto internazionale John F. Kennedy di New York, utilizzando un aeromobile Airbus A318 appositamente configurato.

Olimpiadi di Londra 2012

Prima delle Olimpiadi estive del 2012 a Londra è stato riferito che nel terminal sono stati investiti oltre 7 milioni di sterline (nel 2011) per estendere l’area di ricerca centrale e aggiungere altri miglioramenti.

Durante i Giochi, tuttavia, l’aeroporto ha operato solo con orari limitati e ha subito la chiusura dei blocchi stradali (per motivi di sicurezza), e la rampa a bassa capacità e la pista corta hanno escluso la maggior parte degli arrivi a lungo raggio. Tuttavia, era l’aeroporto più vicino al Parco Olimpico di Londra, con un normale viaggio programmato su strada di 15 minuti.

Espansione attuale

All’inizio del 2013, era previsto l’inizio dei lavori su un programma di investimenti di 15 milioni di sterline per rinnovare la parte occidentale con nuovi cancelli di partenza e lounge migliorate e per riqualificare la hall degli arrivi internazionali e le aree di smistamento bagagli.

In risposta al libro bianco del governo britannico The Future of Air Transport, gli operatori aeroportuali hanno prodotto un piano generale che delinea la loro visione di crescita fino al 2030. Il piano è stato oggetto di consultazione pubblica durante la primavera del 2006 ed è stato ripubblicato incorporando i commenti di questo consultazione. Il piano generale mostra un’espansione graduale dell’aeroporto, dando la capacità di gestire 8 milioni di passeggeri all’anno entro il 2030. Non propone l’aggiunta di una seconda pista o un’espansione significativa dei confini dell’aeroporto.

La fase 1 di questo sviluppo comprenderebbe la costruzione in corso dell’estensione del piazzale orientale e la fornitura di un pier a sud di questo piazzale per fornire l’accesso dei passeggeri agli aeromobili utilizzando i nuovi parcheggi. L’edificio del terminal verrebbe inoltre ampliato per utilizzare il triangolo di terra tra esso e la stazione ferroviaria. Il centro jet esistente che serve l’aviazione aziendale sarebbe stato ampliato, sarebbe stato costruito un nuovo hangar per consentire la manutenzione degli aerei e sarebbe stata fornita una caserma dei pompieri sostitutiva.

Le fasi 2 e 3 sarebbero state intraprese tra il 2015 e il 2030. Ulteriori parcheggi per gli aeromobili sarebbero stati costruiti a est del terminal e una via di rullaggio sarebbe stata costruita lungo e a sud della pista, per evitare la necessità di velivoli in retromarcia. pista sulla pista. Entrambi questi sviluppi comporteranno un’ulteriore riduzione dell’area acquatica del King George V Dock.

Il parco carburante esistente sarebbe trasferito in un sito a est dell’aeroporto, dove potrebbe essere rifornito da chiatta e collegato a un sistema di rifornimento basato su idranti, eliminando così sia le consegne di autocisterne che i movimenti di carburante in aeroporto. Il parcheggio di superficie esistente verrebbe sostituito da un parcheggio multipiano, consentendo l’estensione dell’area di ritiro e consegna dei veicoli. Il centro jet e le strutture dell’hangar sarebbero ulteriormente ampliate. Infine, l’edificio del terminal esistente sarebbe stato sostituito.

In linea con la fase 1 del piano generale, il London City Airport ha presentato una domanda di pianificazione al London Borough of Newham nell’agosto 2007. Ciò consentirebbe di aumentare il numero di voli all’anno da 80.000 a 120.000 entro il 2010. Nel luglio 2008, il responsabile della pianificazione del consiglio di Newham ha prodotto un rapporto sulla domanda di pianificazione, raccomandando la concessione del permesso di costruzione.

La decisione è stata rinviata dal comitato per il controllo dello sviluppo del consiglio nella riunione del 30 luglio 2008, a seguito di una richiesta di Boris Johnson, sindaco di Londra, che la decisione fosse rinviata a dopo che uno studio dei National Air Traffic Services (NATS) fosse stato pubblicato.

Oltre 10.000 residenti locali sono stati consultati dal Newham Council sul piano di cui 1.109 hanno risposto, 801 con obiezioni e 308 a sostegno. Le 801 obiezioni riguardavano principalmente l’aumento del rumore, l’aumento dell’inquinamento atmosferico, i trasporti di superficie, l’economia socioeconomica e la rigenerazione.

I 308 sostenitori invece riguardavano principalmente la riduzione dell’inquinamento atmosferico, una porta alternativa per Londra e le Olimpiadi del 2012, posti di lavoro aggiuntivi e benefici per l’economia locale. Il gruppo per la campagna dei residenti HACAN East (ex Fight the Flights) si oppone all’espansione a causa di problemi di rumore e inquinamento.

Il 29 settembre 2009, l’associazione Fight the Flights ha portato in tribunale il Newham Council per contestare la sua decisione di consentire un aumento del 50% da 76.000 a 120.000 voli. In data 20 gennaio 2010 l’impugnazione è stata respinta ed è stato fissato il termine di 14 giorni per impugnare. Il piano è stato dato il via libera nel febbraio 2015.

Tuttavia, questo è stato annullato da Boris Johnson nel marzo 2015. Il 27 luglio 2016 il London City Airport ha ricevuto l’approvazione dalle autorità per il suo piano di espansione da 344 milioni di sterline.

Recenti sviluppi

Nell’ottobre 2015, Global Infrastructure Partners, che possedeva il 75% della struttura, l’ha messa in vendita, con l’accordo di Oaktree Capital Management che detiene il restante 25%. Nel febbraio 2016 è stata confermata una vendita a un consorzio guidato dal Canada di Alberta Investment Management Corporation (AIMCo), OMERS, Ontario Teachers’ Pension Plan e Wren House Infrastructure Management della Kuwait Investment Authority per £ 2 miliardi. La vendita è stata completata il 10 marzo 2016.

Nel settembre 2016, British Airways ha annunciato la cessazione di uno dei suoi due servizi giornalieri di classe business a lungo raggio dall’aeroporto a New York City, adducendo motivi economici.

È stata presa la decisione di trasferire la torre di controllo in un sito a 80 miglia (130 km) di distanza a Swanwick, nell’Hampshire, utilizzando tre collegamenti via cavo che forniscono video in diretta, una novità nel Regno Unitom trasferendo i controllori del traffico aereo in una sala di controllo digitale gestita a distanza.

Nel gennaio 2021, dopo un ritardo dovuto alla pandemia di COVID-19, London City Airport è diventato il primo grande aeroporto controllato da una torre di controllo del traffico aereo a distanza.

Destinazioni servite

A causa della vicinanza del London City Airport ai Docklands e al distretto finanziario di Londra, i principali utenti dell’aeroporto sono i viaggiatori d’affari con destinazioni come Lussemburgo e Francoforte, anche se il numero di destinazioni per il tempo libero servite come Palma di Maiorca, Málaga o Chambéry è aumentato negli ultimi anni.

L’aeroporto di Londra City è più affollato durante i mesi invernali, quando un certo numero di compagnie aeree, in particolare British Airways e Swiss International Air Lines, volano verso le destinazioni delle stazioni sciistiche. Zurigo, Ginevra e Milano sono tra le mete preferite dagli appassionati di sport invernali.

Nel luglio 2020, British Airways ha annunciato la cessazione dei suoi voli in classe business tra Londra City e New York-JFK, attivi dal 2009.

Strutture e aeromobili utilizzati

A causa della vicinanza dell’aeroporto al centro di Londra, sono state imposte regole rigorose per limitare l’impatto acustico delle operazioni degli aerei. Questo, insieme alle dimensioni ridotte della pista lunga 1.508 metri e al ripido sentiero di discesa, limita i tipi di aeromobili che possono utilizzare il London City Airport. Le dimensioni e il layout dell’aeroporto e la complessità causata dalla mancanza di vie di rullaggio fanno sì che l’aeroporto sia molto affollato durante le ore di punta.

I controllori del traffico aereo devono gestire oltre 38 voli all’ora su una pista che richiede un lungo backtrack per ogni aeromobile che deve partire dalla pista 27 o atterrare sulla pista 09. Le operazioni sono limitate alle 06:30 alle 22:30 dal lunedì al venerdì, dalle 06:30 alle 13:00 il sabato e dalle 12:30 alle 22:30 la domenica. Queste restrizioni sono legate al rumore generato dagli aeromobili.

Terminal

Con uno spazio limitato nell’area dei Docklands di Londra e volumi di passeggeri relativamente bassi, il London City Airport è molto più piccolo rispetto a molti altri aeroporti che servono Londra, come Heathrow, Gatwick, Stansted e Luton. L’aeroporto ha un unico terminal passeggeri a due piani con 18 gate.

Il piano terra contiene i banchi del check-in e alcune strutture di servizio, nonché una scala che conduce al controllo di sicurezza al livello superiore, dopodiché si trovano l’area di attesa e molti altri negozi.

Compagnie aeree e destinazioni

Le seguenti compagnie aeree operano servizi regolari da e per l’aeroporto di Londra City:

British Airways: Amsterdam, Belfast–City, Berlino, Billund, Dublino, Düsseldorf, Edimburgo, Firenze, Francoforte, Ginevra, Glasgow, Ibiza, Málaga, Manchester, Milano–Linate, Monaco, Nizza, Palma di Maiorca, Praga, Rotterdam, Zurigo
Stagionale: Bergerac, Chambéry, Faro, Minorca, Mykonos, Quimper, Salisburgo (inizio 10 dicembre 2021), San Sebastián (inizio 8 luglio 2022), Santorini, Skiathos, Spalato, Venezia;
KLM: Amsterdam;
Loganair: Dundee;
LOT Polish Airlines: Vilnius;
Lufthansa: Francoforte;
Luxair: Lussemburgo;
Swiss International Air Lines: Ginevra, Zurigo.

Passeggeri

Il numero di passeggeri al London City Airport ha visto una rapida crescita tra il 2003 e il 2008, raddoppiando da circa 1,5 milioni all’anno a oltre 3 milioni. I totali sono diminuiti nel 2009 e nel 2010, ma da allora si sono ripresi e nel 2019 oltre 5,1 milioni di passeggeri sono passati dalla città di Londra. Nel 2020, il numero di passeggeri è sceso bruscamente al di sotto di 1 milione all’anno durante la pandemia di COVID-19.

Collegamenti tra l’aeroporto e il centro di Londra

Docklands Light Railway

L’aeroporto di London City è servito dalla stazione DLR London City Airport, che è una stazione sopraelevata adiacente all’edificio del terminal. La stazione è situata su un lato della Docklands Light Railway, che collega l’aeroporto a Canary Wharf e alla City di Londra, nonché alle stazioni Stratford International e Woolwich Arsenal con interscambi per la metropolitana di Londra, London Overground, TfL Rail, Greater Anglia, c2c Thameslink e servizi ferroviari ad alta velocità del sud-est.

Elizabeth Line

Fino al 2006, la stazione ferroviaria di Silvertown sulla linea nord di Londra serviva l’aeroporto, ma è stata chiusa durante la costruzione del Crossrail. Quando la nuova linea Elizabeth entrerà in servizio nel 2021, il suo percorso passerà molto vicino all’aeroporto di London City, ma non è prevista una stazione che serve l’aeroporto.

Sono state avanzate proposte per l’apertura di una nuova stazione sulla nuova linea Elizabeth per servire l’aeroporto; TfL non ha incluso nei suoi piani una stazione di City Airport.

Accesso stradale

L’aeroporto è servito dalle autostrade A1020 e A112 che forniscono collegamenti veloci con Canning Town, la City di Londra e Stratford, oltre a collegarsi con l’A13 e la North Circular Road (A406). Anche l’A13 offre un facile accesso all’autostrada M25, così come l’A406 che si collega all’autostrada M11.

L’aeroporto dispone di un parcheggio sia a breve che a lungo termine, entrambi a pochi passi dal terminal e una stazione dei taxi fuori dalla porta del terminal.

Autobus locali

L’aeroporto è servito dai servizi di London Buses:

473 a Stratford via Plaistow e North Woolwich;
474 fino a Canning Town e Manor Park via Beckton e East Ham.

I bus navetta express che in precedenza collegavano varie destinazioni, sono stati ritirati dopo la costruzione della linea DLR.

Battello

I servizi di Thames Clippers hanno reso necessario un nuovo molo attualmente in costruzione presso il vicino sviluppo residenziale Royal Wharf, consentendo di viaggiare in centro al Londra utilizzando una Oyster card o una smart card senza contatto.

Fonte: Wikipedia

Shares